Cosa vedere a Praga in 3 giorni: 15 chicche imperdibili

CIAO SONO CLAUDIA MARCHIONNI

Travel Writer e Avvocato dei Freelance.

La mia missione? Farti scoprire “chicche” di viaggio nel Mondo!

cosa vedere a praga in 3 giorni
Tempo di lettura: 13 minuti

Ultimo aggiornamento: 16 Maggio 2024 by Claudia Marchionni

Cosa vedere a Praga in 3 giorni tra chicche insolite, castelli, giardini all’italiana, street art, scorci pittoreschi e panorami mozzafiato.

Cosa vedere a Praga in 3 giorni

praga cosa vedere
Praga cosa vedere in 3 giorni

Cosa vedere a Praga in 3 giorni?

Sono tantissime le cose da fare a Praga ma in 3 giorni potrei sicuramente visitare i suoi luoghi più famosi e quelli più insoliti.

Per anni ho fantasticato di visitare questa città che appariva cosi suggestiva nelle fotografie, soprattutto scattate in inverno, per via dei famosissimi mercatini di Natale.

Le fotografie raccontavano di una città magica ricoperta di neve e da lucine natalizie con le tipiche bancarelle di delizie gastronomiche.

Dopo averla visitata per la prima volta in un weekend di primavera possa assicurarti che Praga è altrettanto magica (se non di più!) con i suoi giardini fioriti, i suoi tramonti ammirati dalla fortezza Vysehrad e le passeggiate lungo il fiume.

Praga non è solo mercatini di Natale, la primavera ti consente di scoprire tanti posti panoramici e curiosi che sarebbe impossibile visitare in altre stagioni.

Cosa vedere a Praga in 3 giorni: Itinerario classico per un week end a Praga

Suddividerò le cose da vedere a Praga in 3 giorni in itinerari tematici” in modo da rendere più comprensibile la tipologia di esperienza da non perdere!

Partiamo subito perché sono davvero tanti i punti di interessanti da scoprire tra i luoghi più famosi e quelli più insoliti da visitare a Praga!

Se è il tuo primo viaggio a Praga, il primo giorno avrai sicuramente piacere di vedere i luoghi più tradizionali e conosciuti perché caratterizzano fortemente la città.

1. Ponte Carlo

cosa vedere a Praga
Ponte Carlo

Il Ponte Carlo rappresenta il luogo più simbolico della città, la prima cosa da vedere a Praga in 3 giorni di itinerario.

Risalente al 1357, il ponte medievale collega la Città Vecchia al quartiere di Malá Strana, uno dei quartieri più antichi e pittoreschi di Praga.

La sua peculiarità è rinvenuta nella presenza di numerose statue, principalmente di Santi, collocate sui lati del ponte.

Presta molta attenzione ai borseggiatori che, come in ogni luogo molto turistico e frequentato della città, approfittano del flusso caotico di persone che si accalcano a scattare fotografie sul ponte per “allungare le mani”.

Nel lato che conduce alla Città Vecchia, sorge una Torre risalente al XIV secolo concepita come fortificazione ma anche come arco trionfale di ingresso alla città.

Attualmente, è uno straordinario punto di osservazione panoramica dall’alto sul Ponte Carlo ed il quartiere di Malà Strana nonchè sulla Piazza della Città Vecchia.

2. Piazza della Città Vecchia

cosa vedere a Praga
Piazza della Città Vecchia

L’itinerario di Praga dal Ponte Carlo prosegue fino alla Città Vecchia dove ti ritroverai, in pochi passi, nella piazza più famosa e antica di Praga.

Dimenticati la calma ed il silenzio del quartiere di Malà Strana: la Piazza è il cuore pulsante della città tra bar, ristoranti e negozi di souvenir.

L’antica anima di piazza medievale del mercato è più viva che mai anche a distanza di mille anni tanto da essere considerata una delle piazze più animate d’Europa.

Gli edifici in stile gotico che si affacciano sulla piazza hanno assistito agli eventi più importanti della storia di Praga tra incoronazioni, assemblee popolari fino a tragici eventi come le esecuzioni capitali di governatori e leader del popolo.

Non perderti la sua vista dall’alto della Torre del Municipio che, insieme alla Chiesa di San Nicola e la Chiesa di Santa Maria di Tyn con le sue celebri guglie, rappresenta uno degli edifici più importanti della Piazza.

3. Municipio e Orologio Astronomico

cosa vedere a Praga
Torre dell’Orologio

Nella Piazza della Città Vecchia noterai una folla di persone accalcate sotto al Municipio.

Ti chiederai cosa stiano aspettando mentre guardano continuamente verso l’orologio del Municipio.

Lo capirai quando sentirai il rintocco dell’orologio astronomico.

L’orologio è composto dal quadrante astronomico, sul quale, oltre all’ora, sono rappresentate le posizioni in cielo del Sole e della Luna e un quadrante inferiore composto da 12 cerchi raffiguranti i mesi dell’anno.

Allo scoccare dell’ora un corteo di 12 apostoli che rappresentano i vizi capitali spunterà fuori da due finestrelle poste sopra l’orologio del Municipio.

Uno dopo l’altro, gli apostoli capitanati da San Paolo sfilano sospesi in aria. Il canto del gallo segna la fine dello spettacolo.

Non limitarti ad osservare lo spettacolo danzante, il Municipio merita di essere visitato anche all’interno per godere della vista panoramica della città.

Ma non solo!

All’interno del Municipio, infatti, potrai ammirare da vicino il meccanismo che mette in movimento delle figure del “Corteo degli Apostoli” situato nella Cappella Gotica.

Prima di uscire dal Municipio, dai una rapida occhiata anche alla sala del Consiglio e quella dell’Assemblea decorate con dei mosaici degli anni ’30.

4. Castello di Praga

praga cosa vedere
Castello di Praga

Altro luogo iconico della città che non può mancare tra le cose da vedere a Praga in 3 giorni per un itinerario più tradizionale.

Da qualunque parte della città ti trovi, il Castello di Praga rappresenterà per te, come per ogni viaggiatore che si avventura per le strade di Praga, il “faro” che ti indica la tua posizione.

L’enorme complesso del IX secolo, infatti, assomiglia ad un castello delle Fiabe arroccato su una posizione panoramica da cui guarda tutta la città.

Il complesso include edifici imperdibili come la Cattedrale di San Vito, l’Antico Palazzo Reale, la Basilica di San Giorgio, il Vicolo d’oro e la Daliborka.

Vicolo d’Oro

Il Vicolo d’Oro è una delle attrazioni più amate dai turisti. Un minuscolo vicolo acciottolato con piccole casette colorate costruite nel XVI secolo occupate in origine dalle guardie del castello e poi da artisti come Franz Kafka,

Ti consiglio di andare a visitarlo come prima attrazione appena entrerai nel Castello possibilmente di prima mattina, anche se poi dovrai tornare indietro per vedere tutti gli altri siti, perchè con il passare delle ore aumenta il numero di persone e rischieresti di non riuscire neppure a camminare per la folla.

Prima di abbandonare il Castello, raggiungi i Giardini meridionali che regalano una vista privilegiata sulla città di Praga, in particolare sui tetti delle case di Malà Strana.

5. Chiesa di San Vito

praga cosa vedere
Chiesa di San Vito

Ho scelto di inserire a parte questa attrazione che troverai all’interno del Castello perchè merita da sola la visita.

Nell’ eventualità che tu abbia tanto tempo a disposizione per visitare tutto il Castello di Praga, potrai entrare solo in questa Chiesa.

Sto parlando della Chiesa più importante di tutta la Repubblica Ceca: iniziata a costruire nel 1344 e completata solo dopo ben 600 anni.

A primo impatto lo stile parrebbe tipicamente gotico pur avendo subito diverse modifiche nel corso di tutti quegli anni.

La sua particolarità sono le coloratissime vetrate d’inizio Novecento e la Porta d’Oro in stile gotico.

Purtroppo, nel periodo della mia visita erano in corso delle opere di ristrutturazione che non mi hanno permesso di immortalare e ammirare a pieno la bellezza delle famose vetrate.

Cosa vedere a Praga in 3 giorni: Itinerario a Praga tra chicche insolite

Esaurito il classico itinerario di Praga, se ami le tappe più insolite, ti consiglio di visitare alcuni luoghi davvero particolari.

In questo modo, potrai allontanarti dai classici itinerari turistici e visitare Praga in una chiave diversa e meno conosciuta.

Ho selezionato i luoghi che mi hanno maggiormente affascinato per il loro valore storico che racconta tanto del passato della città.

6. Kampa

cosa vedere a Praga
Kampa

Sono sempre restia a consigliare luoghi insoliti di una città perchè, a volte, non si tratta di imponenti monumenti ma di posti suggestivi per viaggiatori curiosi che amano mescolarsi agli abitanti della città e vivere un’esperienza più locale.

Questo è ciò che rappresenta il quartiere di Kampa: un’isola artificiale nel quartiere di Malà Strana.

Qui scorrono piccoli canali le cui acque venivano sfruttate dai contadini nel passato per far girare le ruote dei Mulini, alcuni oggi ancora visibili come il Mulino del Gran Priore del 1400.

Un tempo terreno agricolo, venne poi lentamente abitato dai cittadini intorno ad una piazzetta molto pittoresca dove ora sorgono numerosi ristoranti,

Un luogo molto rilassante, senza tempo, ideale per una passeggiata per un momento lontano dalla confusione dei siti più turistici.

7. Collina di Petrin

praga cosa vedere
Collina di Petrin

Per una giornata di relax immersa in uno degli spazi verdi più grandi di Praga dirigiti verso questa collina alta 318 metri.

I vigneti hanno lasciato il posto a terrazze panoramiche, caffè con vista sulla città, una Torre Panoramica e curiose attrazioni come il Labirinto di Specchi.

Alla base della Collina, dove troverai una comoda funicolare per salire fino in cima, sarai accolto da un piccolo giardino.

In fondo noterai un gruppo di sculture che raffigurano delle persone con sembianze lacerate intente a scendere da una scalinata: è il Monumento delle vittime dei Comunismo.

Monumenti delle vittime dei Comunismo

La Torre di Petrin, nel punto più alto della collina, ti regala un panorama a 360 gradi a 62 metri di altezza su tutta la città di Praga e dintorni.

Se vuoi evitare di farti tutta la passeggiata a piedi fino in cima alla Collina, recati di prima mattina al punto di partenza della funicolare per evitare la fila che si forma nel tardo pomeriggio.

8. I Giardini di Praga

cosa vedere a Praga
Giardino di Vrtbov

Come ho accennato in apertura, la scoperta più piacevole della visita a Praga in primavera è stata proprio quella relativa ai suoi numerosi giardini in fiore del quartiere di Malà Strana.

Inspiegabilmente poco frequentati dai turisti, questo vantaggio ti consente di godere un momento di relax come una persona del posto, lontano dal trambusto delle attrazioni più famose.

Alcuni Giardini sono accessibili gratuitamente come i giardini di Vojan o di Wallanstein, altri invece richiedono il pagamento del biglietto di ingresso.

Tra questi ultimi non puoi perderti il Giardino Vrtbov, un impressionante giardino barocco del 1720 che sale sulle pendici della collina fino ad una terrazza panoramica da cui osservare i tetti del quartiere di Malà Strana.

9. Fortezza di Vysehrad

praga cosa vedere
Fortezza di Vysehrad

Complice la sua distanza rispetto al centro di Praga e alle attrazioni più turistiche della città, la Fortezza di Vysehrad viene spesso tralasciata: un vero peccato!

Se non altro per rendere omaggio ad una fortezza che per oltre mille anni ha svolto diligentemente il suo ruolo di protezione verso la città che proprio in questo luogo aveva, nel XVIII scolo, il suo fulcro principale.

Ad oggi, purtroppo, molti degli edifici originari non sono sopravvissuti.

Passeggiare per i vicoli della fortezza è un’esperienza comunque molto suggestiva soprattutto al tramonto per ammirare la città di Praga, il ponte Carlo ed il Castello dall’alto.

Degne di note la Rotonda di San Martino, annoverata tra gli edifici più antichi di Praga (risale al XI secolo) e la Chiesa dei Santi Pietro e Paolo, uno dei pochi edifici originari rimasti della fortezza.

10. Museo Ebraico

praga cosa vedere
Sinagoga Vecchia-Nuova

Ammetto di essere di parte perchè ho una predilezione per il mondo ebraico e per le sue Sinagoghe che ricerco in ogni città del mondo che visito.

Ma a Praga è la città delle Sinagoghe e conserva alcuni capolavori tra i più antichi di Europa: non si può, quindi, omettere di dedicare almeno una mezza giornata alla visita.

Nel quartiere di Josefov, l’ex ghetto ebraico di Praga, si trovano ancora 6 antichi monumenti ebraici che compongono il Museo Ebraico:

  • Sinagoga Klaus, sinagoga in stile barocco;
  • Sinagoga Maisei, ex sinagoga privata voluta dal sindaco del quartiere ebraico nel XVI secolo;
  • Sinagoga Pinkast, con una parente in cui sono incisi i nomi delle 77.297 vittime del nazismo;
  • Sinagoga Spagnola, con i suoi ricchi interni in stile moresco;
  • Sala Cerimoniale, con l’esposizione di oggetti della tradizione ebraica;
  • Cimitero ebraico, in cui furono seppelliti tutti gli ebrei della città, tra cui anche famosi intellettuali.
Sinagoga Vecchia-Nuova

Al patrimonio ebraico si aggiunge anche la Sinagoga Vecchio-Nuova, ritenuta la sinagoga più antica d’Europa ancora attiva nonchè uno dei primi edifici gotici di Praga.

Con un biglietto cumulativo è possibile visitare tutti i monumenti del Museo Ebraico ad eccezione della Sinagoga Vecchia-Nuova che prevede l’acquisto di un biglietto a parte.

Agli uomini viene richiesto di coprirsi il capo all’interno delle Sinagoghe: all’ingresso viene offerto, per chi ne fosse sprovvisto, un “kippah” (il tipico copricapo a forma di semi cupola).

11. La Biblioteca del Monastero di Strahov

Sala Teologica

Il Monastero di Strahov, fondato nel 1140, ospitava i monaci dell’ordine dei premostratensi, almeno fino a quando il regime comunista decise di chiuderlo e di incarcerare gran parte dei monaci dell’epoca.

Per fortuna, non venne distrutto il capolavoro gelosamente custodito al suo interno: la Biblioteca di Strahov.

Viene considerata la più grande biblioteca monastica del Paese e vanta due meravigliose sale barocche del XVII e del XVIII secolo ed una collezione di oltre 200.000 volumi antichi.

Le Sale della Biblioteca sono due:

  • la Sala Teologica, con diversi mappamondi decorati a mano;
  • la Sala Filosofica, con l’imponente libreria a due piani e l’affresco sul soffitto.

Purtroppo, è possibile solo sbirciare nelle sale dalla porta di ingresso.

La visita all’interno è preclusa ai visitatori per salvaguardare gli affreschi dall’umidità, ad eccezione di alcune rare visite guidate da concordare per tempo.

Sinceramente, sono rimasta inizialmente delusa da questa circostanza perchè guardare una sala dalla soglia non è esattamente come poter passeggiare all’interno ed ammirare ogni dettaglio ma l‘esperienza è comunque particolare per l’impressionante bellezza della biblioteca.

Cosa vedere a Praga in 3 giorni: Itinerario a Praga tra street art e arte contemporanea

Cosa fare a Praga se sei appassionato/a di street art e di arte contemporanea?

Ti suggerisco di inserire queste chicche nel tuo itinerario di Praga del terzo giorno.

Praga è un museo a cielo aperto di opere d’arte che troverai passeggiando per i vicoli della città, spesso anche alzando il naso all’insù dove meno te lo aspetti!

12. Le Opere di David Cerny

praga cosa vedere
Testa di Kafka

Passeggiando per le strade di Praga noterai delle curiose installazioni in diversi punti della città: hai appena incontrato le opere di David Cerny.

L’artista ceco, nato a Praga nel 1967, suscita da anni molto interesse e non poche critiche per la sua vena provocatoria che si riflette nelle sue eccentriche opere artistiche.

Le sue opere sono cariche di messaggi la cui interpretazione è volutamente lasciata all’intuito dell’osservatore.

Tra alcune delle opere più famose che incontrerai a Praga non puoi perderti:

  • L’Appeso, statua raffigurante Sigmund Freud, appeso a una trave che spunta dal tetto di un edificio (tra Via Husova e Via Betlémské – Città Vecchia).
  • Il Cavallo Rovesciato, statua raffigurante San Venceslao seduto sulla pancia di un cavallo morto a testa in giù (Piazza Venceslao- Pálac Lucerna).
  • Testa di Kafta, statua rotante raffigurante la testa di Kafka composta da 42 sezioni di acciaio che roteano continuamente (cortile del centro commerciale Quadrio).
Bambini di Bronzo
  • Bambini di Bronzo, composizione di statue di bronzo raffiguranti 3 neonati intenti a gattonare o ad arrampicarsi sulle pareti di una torre (Museo Kampa- Malà Strana e sulla Žižkov Television Tower).
  • Pissing Men, opera del 2004 raffigurante due figure maschili all’interno di una vasca nell’atto di urinare (Museo Franz Kafta- Mala Strana).
  • Embryo, statua a forma di embrione umano illumanto dai Led (Via Anenské Náměstí-Città Vecchia)
  • Quo Vadis, una Trabant con le zampe al posto delle ruote costruita in vetroresina (giardino dell’ambasciata tedesca in Via Vlasska – Malà Strana).

13. Muro di Jhon Lennon

cosa vedere a Praga
Muro di Jhon Lennon

Un semplice muro cittadino in un angolo anonimo del quartiere di Malà Strana, alla morte di John Lennon nel 1980, divenne un simbolo di pace e libertà per i giovani che iniziarono a riempirlo di graffiti ispirati al cantante inglese.

Ben presto, attirò l’attenzione dei giovani di tutto il mondo che si recavano in pellegrinaggio al muro per rendere omaggio al loro beniamino ma, soprattutto, per esprimere il proprio punta di vista politico contro il comunismo.

Il regime dell’epoca non gradì la presenza di questo muro che portava con sé tutta una serie di ideologie e provò. senza successo, a ridipingere il muro che veniva nuovamente ricoperte di scritte e graffiti.

Oggi il muro dedicato a John Lennon è divenuta una attrazione turistica molto amata dai visitatori e tutelata dalla città.

14. Scala cubista

cosa vedere a Praga
Scala cubista

Il movimento cubista di Praga si contraddistinse per la sua applicazione anche all’architettura.

Questo stile architettonico cubista arrivato a Praga a ridosso della Prima guerra mondiale non riscosse grande successo per la sua complessità e venne abbandonato ben presto.

Solo successivamente, negli anni ’60, destò la curiosità degli addetti al settore per la sua unicità.

Tra gli edifici più significativi che ne conservano ancora oggi questa caratteristica, la Casa della Madonna Nera del 1912 merita sicuramente una sbirciatina.

Entrando al suo interno occorre alzare gli occhi all’insù per notare la scala a chiocciola dalla forma molto particolare che ricorda quella di una lampadina.

Oggi l’edificio è stato trasformato nel Museo delle Arti e dei Mestieri, la cui collezione si concentra proprio sul cubismo ceco ed ospita al primo piano il Grand Café Orient in stile cubista, riaperto al pubblico dopo 15 anni.

15. Casa Danzante

praga cosa vedere
Casa Danzante

Un edificio così moderno e particolare non poteva che avere un soprannome degno di tanta stravaganza: “Casa danzante” o “Ginger e Fred”.

Questa curiosa creazione architettonica moderna, costruita nel 1996, si armonizza perfettamente con gli edifici circostanti più antichi sopravvissuti, a differenza dell’edificio che la precedette, dal bombardamento degli americani del 1945.

Ma il genio creativo degli architetti Vlado Milunič a Frank O. Gehry seppe dargli una seconda vita realizzando un edificio che evocava un passo di danza della celebre coppia di ballerini americani Fred Astaire e Ginger Rogers.

Con un po’di immaginazione si può intravedere nella torre di pietra la figura di Fred che stringe a la sua compagna Ginger (la torre di vetro).

Non mancano nemmeno i capelli di Fred rappresentati dalla cupola in cima alla torre di pietra.

Ammetto di non aver colto tutte queste sfumature ad una prima occhiata ma resta comunque un edificio molto particolare non solo da fotografare ma anche da visitare.

Nel bar della terrazza all’ultimo piano, infatti, si gode di una vista panoramica a 360 gradi della città di Praga.

Cosa vedere a Praga in 3 giorni: Mappa Itinerario a Praga in 3 giorni.

Come di consueto, la Mappa dell’itinerario di Praga da scaricare sul tuo telefono per non perderti nessuna delle cose da vedere a Praga in 3 giorni che ho indicato nell’articolo.

Buon Viaggio a Praga!

Quale delle 15 cose da vedere a Praga in 3 giorni ti incuriosisce di più?

Fammelo sapere lasciandomi un commento qui sotto oppure nei miei canali social di Instagram e Facebook.

Per altre Chicche di Viaggio, puoi leggere i miei articoli e seguirmi sui miei canali social.

A presto con un nuovo percorso fuori dall’ordinario!
Claudia

In regalo per te, le mie Guide di Viaggio!

CHE NE DICI DI 2 GUIDE GRATUITE PER SCOPRIRE I POSTI PIÙ BELLI DI AMSTERDAM E DI PESARO

2 Guide ricche di tanti consigli utili: cosa vedere, dove mangiare, le 10 esperienze da non perdere…e tanto altro!
Buona Lettura!!!

TI è piaciuto l'articolo ? CONDIVIDILO nei tuoi social preferiti o via email con i tuoi amici!

6 risposte

  1. Buongiorno
    Bellissimo itinerario
    Grazie
    A luglio ci andremo mi ha convinto
    Ero indeciso con Bucarest
    Penso che Praga sia la scelta migliore
    Ne conviene?
    Cordiali saluti

    1. Ciao Francesco,
      consigliare una meta non è mai facile perchè dipende anche dai propri gusti personali e da quali attrazioni si prediligono.
      Non ho mai visitato Bucarest, quindi mi rimane difficile poter fare un paragone.
      Io ho adorato Praga in primavera e ci tornerei in ogni stagioni.
      Soprattutto, dopo aver visitato le sue chicche più insolite.
      Penso di aver trasmesso il mio giudizio molto positivo su questa città nel mio articolo e lo confermo ancora oggi.
      Mi auguro che tu possa provare le stesse emozioni quando la visiterai.
      Buon viaggio!
      Un caro saluto
      Claudia

    1. Mi fa molto piacere Fabio!
      Per eventuali dubbi o informazioni, non esitare a chieder.
      Buon Viaggio!
      Un caro saluto
      Claudia

    1. Ma che bello!!!
      Mi avete fatto un regalo bellissimo con questo messaggio.
      Buona vacanza!
      Fatemi sapere alla fine del viaggio come è andata?
      Un caro saluto
      Claudia

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Mi dispiace non poter più condividere le notizie con te :(

Controlla la tua casella email per confermare l'iscrizione!

Grazie per esserti iscritto/a alla mia Newsletter!